Crea sito

 

 

 

 

 

Cazzeria !.!.!.

Sonetto d’occassione pe’ ll’erezione der Sor Maurizzio Mosetti

a Mmembro der Centro Studi “Ggiuseppe Giuvacchino Belli”    

 

 

Gran nove! Cazzeria, Mosetti caro …

Chi ss’aspettava ‘sta gran zorpresona!

Erimo dialettanti ‘n po’ a la bbona …

E V’aritrovo “discitor-perchiaro”!

 

Eh, ‘nfin-infine ‘r tempo nun è bbaro:

Spartenno ‘r ciarlatan da la perzona

(Chi vva bber-bello e cchi va a la carlona),

Spajja ‘r caval d’arrazza dar zomaro!

 

Minchia, nun fò ppe’ ddì: sarta chi zzompa!

E cchi, come ‘r Sor Scritto, Ve sii ammico,

Nun dovaria stupisse de la pompa

 

Co’ ccui quer Centro Studi - si arimmembro –

Intitolato ar Belli, vate antico,

A la finfine V’abbi eretto a(r) Membro!!!

 

 

Sandro Cozzi (Sbucapesce)

 

A Citavecchia, er ghiesci de lujjo dumilennove

 

 

 

 

 

L'opignoni su la poesia rescitata

 

 

A sor Mose’, te vojo di’ ‘na cosa:

Me fa ppiascere che tte fa ppiascere

Discorre ‘nsieme de poesia e dde prosa

Restanno poi ciascun der su’ parere.

 

Chi la vo’ asciutta, chi la vo’ brodosa,

Ma la minestra è ccotta ar su’ dovere;

scita scarno o mettje la scimosa

Basta che qquer che ssenti … è ‘n ber-vedere!

 

Arfine poi ‘n c’è mmanco discrepanza:

Canti cor tempo Tuo, nun è cche stoni!

Dunque, me toccherà abbassa’ la gresta …

 

Co’ ggente come noi - ch’è dde creanza -

Tu cce lo sai: se cambien’ opignoni;

Fra l’amichi però la stima resta!

 

 

Sandro Cozzi (Sbucapesce) 16 ottobre 2006