Crea sito


153 (154). VONNO COJJONATTE E RRUG└!

Jer l'antro ebbe d'annÓ a li Ggipponari
Pe rruscý verzo punta-de-diamante,
A ccrompamme un corpetto da un mercante,
Che, disce Sgorgio, nu li venne cari.

Er padrone era ito a li ssediari
A ccercÓ un tajjo de pelle de Dante,
C'era un giovene vecchio, ma ggargante
Da fatte saccheggiÓ li cortellari.

Io je disse de damme sto corpetto;
E cquer faccia de grinze a mmossciarella
Me ne diede uno che nemmanco in ghetto.

Io bb¨ttelo pe tterra. Er zor Brighella
Se scalla er pisscio: io te l'agguanto in petto.
E ssai come finý? Cco la bbarella.

Terni, 2 ottobre 1831         De Pepp' er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo