Crea sito


603 (601). UNA DISGRAZZIA

Come sò le disgrazzie! Ggiuveddì
In d'un orto viscino a Bbervedé
Ciannassimo un tantino a ddivertì
Pepp'er chiavaro, Bennardino e mme.

Cuanto stassimo alegri! Abbast'a ddì
Che cce bbevessim'un barile in tre:
E vverzo notte, in de l'usscì de llì
Pijjassimo er risorio in d'un caffè.

Ma ar tornà a ccasa poi, ner zalì ssù,
Cosa diavolo fussi io nu lo so,
Sbajjai scalino e mme n'aggnedi ggiù.

Ste scale nu le vònno illuminà:
E ecchete spiegato, Picchiabbò,
Come sò le disgrazzie a sta scittà.

Roma, 13 dicembre 1832     Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo