Crea sito

 

572 (575). UN PESSCE RARO

Tra le trijje, linguattole e sturioni

Com'e cquelli ch'er Papa maggna a ccena,

Tra li merluzzi e ll'antri pessci bboni

De che ll'acqua der mare Ť ttutta piena,

 

Ce sta un pessce c'ha ttanti de zinnoni,

Faccia de donna e ccoda de bbalena,

E addorme l'omo co li canti e ssÚni;

E sto pessce se chiama la serena.

 

Disce er barbiere e ll'antre ggente dotte

Che sta serena tutte le sonate

E le cantate sue le fa de notte.

 

Ecco dunque perchť le schitarrate

Che ffanno li paini a le miggnotte,

Le sentimo chiamŗ le serenate.

 

Roma, 8 dicembre 1832      Der medemo

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ť quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo