Crea sito


1627 (1625). UN INZOGGNO

Me so' fatto un inzoggno. Me pareva
D'sse creato Papa in ner Concrave,
E mme vienissi avanti Adamo e Eva
A pportamme un bastone e un par de chiave.

Poi me pareva de st in pizzo a un trave,
E un omo sceco me dassi la leva;
E mme trovavo solo in d'una nave
Che un po' mme s'arrenava e un po' ccurreva.

Poi me pareva d'av ccento bbraccia,
Novantanove pe ttir cquadrini
E uno pe dd indietro carta-straccia.

Cqua ssento come un sparo de cannone;
Me svejjo abbraccicato a li cusscini,
E in cammio d'sse Papa ero un cojjone.

6 settembre 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo