Crea sito


650 (654). UN INDOVINARELLO 

C'è un uscello de razza de cuccù,
Che ccanta sempre e pporta in testa un O,
Che ttiè le spalle de color ponzò,
E ttutto bbianco poi dar mezz'in giù.

'Ggnitanto crepa e ppoi ritorna su,
E ccampa de zecchini e ppagarò:
Che ppò ffà ttutto cuer che nnun ze pò;
E ccomparze a la morte de Ggesù.

St'uscello bbianco e rrosso sempre scià
Tanti corvacci neri intorn'a ssé
Che de colore lui li pò ccambià.

'Ggnitanto muta nome, e mmó ttiè un G:
Nun ha fijji e lo chiameno Papà:
Ell'e lè, indovina te che ccos'è.

Roma, 23 dicembre 1832            Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo