Crea sito


1951 (1916). UN DETTO DE DETTO

Ho ssentito mó ppropio de risbarzo
(Màah! mmosca, veh! nun me ne fate utore)
Che Llui, Su' Santità Nnostro Siggnore
Spesso se scola un quartarolo scarzo.

Sarà fforzi una sciarla c'hanno sparzo...
Sibbè, cquanno er zant'omo sta d'umore,
Un bicchiere de quello ppiù mmijjore
Je va ggiù ccome un giuramento farzo.

Eppoi... se sa..., le feste de natale...
Le pasque... che sso io... li corpusdommini...
Er cristiano lo vò cquarche bbucale.

Dunque a nnoi nun sta bbene er criticallo:
Perché er Papa è un gran re de galantommini.
Si bbeve, è sseggno che ccià ffatto er callo.

5 giugno 1837

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo