Crea sito


1314 (1313). UN BER GUSTO ROMANO

Tutta la nostra gran zodisfazzione
De noantri quann'èrimo regazzi
Era a le case nove e a li palazzi
De sporcajje li muri cor carbone.

Cqua ddiseggnàmio o zziffere o ppupazzi,
O er nodo de Cordiano e Ssalamone:
Llà nnummeri e ggiucate d'astrazzione,
O pparolacce, o ffiche uperte e ccazzi.

Oppuro co un bastone, o un zasso, o un chiodo,
Fàmio a l'arricciatura quarche sseggno,
Fonno in maggnèra c'arrivassi ar zodo.

Quelle sò bbell'età, pper dio de leggno!
Sibbè cc'adesso puro me la godo,
E ssi cc'è mmuro bbianco io je lo sfreggno.

22 giugno 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo