Crea sito


501 (494). STO MONNO E CQUELL'ANTRO

Me fai ride: e cche ssÚ ttutti sti guai
Appett'ar tibbi de cuer foco eterno?
Nu lo sai che le pene de l'inferno
SÚ ccom'Iddio che nun finissce mai?

E ar monno, pe ddu' ggiorni che cce stai,
Te laggni de l'istate, de l'inverno,
De Ddio, de la furtuna, der governo,
E dell'antri malanni che nun hai?!

Cqua, s'hai sete, te bbevi una fujjetta,
Ma a ccasa-calla nun ce sÚ cconforti
Manco de l'acquaticci de Ripetta.

Cqua, mmaggni, dormi, cachi, pissci, raschi,
Te scÚtoli, te stenni, t'arivorti...
Ma llŗ, ffratello, come caschi caschi.

Roma, 27 novembre 1832

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ť quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo