Crea sito


2279 (2245). "Sora Crestina mia, pe un caso raro"

Sora Crestina mia, pe un caso raro
Io povero cristiano bbattezzato
Senz'avecce n ccorpa n ppeccato
M' vvienuto un ciamorro da somaro.

Aringrazziat'Iddio! l'ho ppropio a ccaro!
E mme lo godo tutto arinnicchiato
Su sto mi letto sporco e inciafrujjato,
Come un zan Giobbe immezzo ar monnezzaro.

Che cce volemo f? ggnente pavura.
Tant'e ttanto le sorte s ddua sole:
Drento o ffora; o in figura o in zepportura.

E a cche sserveno poi tante parole?
Pascenza o rrabbia sin ch'er freddo dura:
Staremo in cianche quanno scotta er zole.

21 febbraio 1849

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo