Crea sito


1217 (1217). SE MORE

Nun zapete chi è mmorto stammatina?
È mmorto Repisscitto, er mi' somaro.
Povera bbestia, ch'era tanto caro
Da potecce annà in groppa una reggina.

L'ariportavo via dar mulinaro
Co ttre sacchi-da-rubbio de farina,
E ggià mm'aveva fatte una diescina
De cascate, perch'era scipollaro.

J'avevo detto: "Nun me fa la sesta;"
Ma llui la vorze fà, pporco futtuto;
E io je diede una stangata in testa.

Lui fesce allora come uno stranuto
Stirò le scianche, e tterminò la festa.
Poverello! m'è ppropio dispiasciuto.

20 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo