Crea sito


599 (597). SANTACCIA DE PIAZZA MONTANARA. 1°

Santaccia era una dama de Corneto
Da toccà ppe rrispetto co li guanti;
E ppiù cche ffussi de castaggno o abbeto,
Lei sapeva dà rresto a ttutti cuanti.

Pijjava li bburrini ppiù screpanti
A cquattr'a cquattro cor un zu' segreto:
Lei stava in piede; e cquelli, uno davanti
Fasceva er fatto suo, uno dereto.

Tratanto lei, pe ccontentà er villano,
A ccorno pìstola e a ccorno vangelo
Ne sbrigava antri dua, uno pe mmano.

E ppe ffà a ttutti poi commido er prezzo,
Dava e ssoffietto, e mmanichino, e ppelo
Uno pell'antro a un bajocchetto er pezzo.

Roma, 12 dicembre 1832                Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo