Crea sito


764 (771). SANTA PUPA

Santa Pupa una santa che ddavero
Je peseno, pe ccristo, li cojjoni;
E appett'a llei tanti santi bbarboni
Nun z, Terresa, da contalli un zero.

Va a dd a li fijji tui che ssiino bboni!
Lo so io co li mii si mme dispero,
E mme spormno er zanto ggiorno intiero:
Senza de lei Dio sa li cascatoni!

Eppuro, a sta gran zanta, poverella,
Je vedi mai una cannela accesa?
J'opre ggnissuno un buscio de cappella?

Furtuna e ddorme: ecco ch'ed, Tterresa;
E ssan Pietro, che ddiede in ciampanella,
Ruga, e tti er culo in cuer boccon de cchiesa!

Roma, 17 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo