Crea sito


944 (945). S.P.Q.R.

Quell'esse, pe, ccu, erre, inarberate
Sur portone de guasi oggni palazzo,
Quelle s cquattro lettere der cazzo,
Che nun vonno d ggnente, compitate.

M'aricordo per cche dda regazzo,
Cuanno leggevo a fforza de frustate,
Me le trovavo sempre appiccicate
Drent'in dell'abbecc ttutte in un mazzo.

Un giorno arfine me te venne l'estro
De dimannanne un po' la spiegazzione
A ddon Furgenzio ch'era er mi' maestro.

Ecco che mm'arispose don Furgenzio:
"Ste lettre vonno d, ssor zomarone,
Soli preti qui rreggneno: e ssilenzio."

Roma, 4 maggio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo