Crea sito


11 (11). PIO OTTAVO

Che ffior de Papa creeno! Accidenti!
Co rrispetto de lui pare er Cacamme.
Bbella galanteria da tate e mmamme
Pe ff bbobo a li fijji impertinenti!

Ha un erpeto pe ttutto, nun ti ddenti,
gguercio, je strascineno le gamme,
Spnnola da una parte, e bbuggiaramme
Si arriva a ff la pacchia a li parenti.

Guarda ll cche ffigura da vienicce
A ff da Crist'in terra! Cazzo matto
Imbottito de carne de sarcicce!

Disse bbene la serva de l'orefisce
Quanno lo vedde in chiesa: "Uhm! cianno fatto
Un gran brutto strucchione de Pontefisce."

1 aprile 1829

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo