Crea sito


673 (675). PANZA PIENA NUN CREDE AR DIGGIUNO

Lo capisco ch'er monno è ppien de guai
E cch'è un logo de pianto e ppinitenza;
Ma ppenà ssempre e nnun finilla mai
Roppería puro er culo a un'Eminenza.

Se fa ppresto a pparlà; mma, cculiscenza,
Tu cche mme fai ste chiacchiere me fai,
Tu cche pprèdichi all'antri la pascenza,
Di', cquanno viè la vorta tua, tu ll'hai?

Va' ssempre co li stracci che mme vedi:
Cammina pe la fanga co sta bbua
De scarpe che mme rideno a li piedi:

Campa 'ggni ggiorno co un bajocco o ddua;
E ppoi penza de mé cquer che tte credi,
E ggòdete la fremma a ccasa tua.

Roma, 27 dicembre 1832         Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo