Crea sito

 

421 (417). MONZIGGNOR TESORIERE

C'è stato a Rroma a ttempo der vertecchio
Un abbate fijjol d'un rigattiere,
Che ddoppo d'avé ffatto er mozzorecchio
Se trovò de risbarzo Tesoriere.

E ssiccome era fijjo der mestiere,
Vedenno in cassa tant'oraccio vecchio,
Coll'ajjuto de costa der cassiere
Tutta l'aripulì ccom'uno specchio.

Ma er Papa ch'era un omo duzzinale,
Pijjanno cuella cosa in mal umore,
Lo creò pe ggastigo cardinale.

E accusì se pò ddì de Monziggnore
Cuello che ddimo noi de fra Ccaviale:
La fesce sporca, e ddiventò ppriore.

Terni, 6 novembre 1832         Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo