Crea sito


741 (741). LUI!

Io e ll'asino mio! In oggni cosa
Ve sce ficcate voi pe Ccacco immezzo.
In ogni freggna sce mettete un pezzo
Der vostro, e jj'appricate la scimosa.

Ma, ffratèr caro! e ssete stato avvezzo
Co sto po' dd'arbaggía prosuntüosa?
Tutto sapete voi! ggnente ha la dosa,
Si pprima voi nun je mettete er prezzo!

"Io vado, Io viengo, Io dico, Io credo, Io vojjo:
L'ho ffatt'Io, l'ho vvist'Io, sce sò annat'Io..."
Pe ttutto sc'entra l'Io der zor Imbrojjo.

Chi ssete voi? la tromma der Balío,
Er Papa, Marc'Urelio in Campidojjo,
la Santa Tirnità, Ddomminiddio?!

Roma, 14 gennaio1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo