Crea sito


349 (348). LOTTE AR RIFRESCO. 3

Gi a Ssodema e Gghimorra ereno cotte
Tutte le ggente arrosto com'e ttrijje,
E dde tante mortissime famijje
Pe ccaso la scapp cquella de Lotte.

Curze er Padriarca finamente a nnotte
Senza mai pijj ffiato e stacc bbrijje:
Ma cqua, ssiconno er zolito, a le fijje
Je venne fantasia de fasse fotte.

Ma ppe vvia che nun c'era in quer contorno
Neppuro un cazzo d'anima vivente,
Disseno: " bbono tata": e ll'ubbriacorno.

Poi fatteje du' smorfie ar dumpennente,
L dda bbone sorelle inzin'a ggiorno
Se spartirno le bbotte alegramente.

17 gennaio 1832                   Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo