Crea sito


1193 (1194). LO STROLIGO

Va' in d'una strada, indove sce se fa
Cquarche gran scavo in de la terra, e ttu
Vederai che ggnisuno sa ppassà
Si nun z'affaccia e ssi nun guarda ggiù.

Che conziste sta gran curiosità?
Nun è la terra ggiù ccome che ssù?
Cosa spera la ggente in quer guardà?
Che sse scopri er burrò dde Bberzebbù?

Ma cquest'è 'r peggio ch'io nun zo ccapì,
Che ssibbè nnun c'è un cazzo da vedé,
Invetrischeno l'occhi, e stanno llì.

Er monno dunque è ppiù cojjon de mé
Che mme ne sto su sta loggetta, e cqui
Gguardo in celo le stelle e cquer che cc'è.

11 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo