Crea sito


937 (937). LO STATO D'INNOSCENZA. 1

Senz'Eva e Adamo, e ssenza er pomo entrato
In cuelle inique du' golacce jjotte,
Pe nnoi poveri fijji de miggnotte
Nun ce sara n mmorte n peccato.

L'omo averebbe seguitato a fftte
Cualuncue donna c'avessi incontrato,
E er monno sara tutto popolato
Da mezzoggiorno inzino a mmezzanotte.

E ccome all'omo, la medema sorte
Sara puro toccata a oggn'animale,
Pe nnun mette l'esempio de la morte.

E invesce der giudizzio univerzale,
Sara vienuto Iddio parecchie vorte
A dd una slargatina ar materiale.

Roma, 2 maggio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo