Crea sito


217 (217). LO SSCILINGUATO

Oh che ddiggazzia, Chitto!: oh che bbullacca,
D'effe jeli ito via calo me cotta!
Nu tta bbe' in ne' ppottone quella vacca,
Fi e' mmi' padón de cafa nu la ccotta.

Quanno tto p'alientą ddento a la potta
Vedo ch'e' ppupo mio ccivola e ccacca.
Io nu mme leggo ppił: chiamo Callotta,
E bbutto e' ffitto de melluzzi e llacca.

Poi vado pe anną llą, ma in ne' ffą e' ppazzo,
Pun, chioppo in tella e do la tetta a' mmulo;
Ma e' ppelicolo mio te ce lo sccazzo.

Quello che mm'impottava, e tte lo ggiulo,
Ela la fetta de favvą el lagazzo:
Del letto lo fa Iddio fi mme ne culo.

Roma, 21 ottobre 1831    De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti č quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo