Crea sito


1573 (1571). LO SCORDARELLO

Di', tt'aricordi ggnente, Fidirico,
Chi era quello ch'er mastro de scòla,
Disce c'a ttempi sui fesce sciriola
Ar Papa e lo trattò ccome nnimmico?

L'ho ssu la punta de la lingua dico,
Eppuro... Aspetta un po', ffiniva in ola.
Andrea? no Andrea; 'na spesce de Nicola
Co un antro nome de casato antico.

Cristo! sarà ddu' ora che cce penzo!
Zitto, zitto ché vviè: Cola da... Ccazzo!
L'ho ttrovo, eccolo cqua: Ccola d'Arienzo.

Sto Cola era 'na bbirba bbuggiarossa:
Co ttutto questo, io sciannerebbe a sguazzo
C'ariarzassi la testa da la fossa.

4 giugno 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo