Crea sito

 

 1413 [1747]. LO SCOLO DER 34

 

Oggi trentun discemmre, ch’è ffinita

st’annata magra de Ggiusepp’abbreo,

la siggnora fratesca ggesuita

pe rrenne grazzie a Ddio canta er Tedeo.

 

Dimani poi, si Ccristo je dà vvita,

ner medemo convento fariseo

s’intona un’antra antifona, aggradita

a lo Spiritossanto Paracreo.

 

E a cche sserveno poi tanti apparecchi?

er distino oramai pare disciso

c’oggn’anno novo è ppeggio de li vecchi.

 

Pòi defatti cantà cquanto tu vvòi,

ché ggià Ddio bbenedetto ha in paradiso

antri gatti a ppelà, che ssentí nnoi.

 

31 dicembre 1834

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli
Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo