Crea sito


373 (370). LO SCOJJONATO

Baron bcco futtuto bbuggiarone,
Ladro canajja pe nnun ditte peggio:
Si nnun te pijjo a ccarci in ner palleggio,
Damme er tu' nome che mme sta bbenone.

Da cuann'in cu ggodemo er privileggio
De pijj tutt'er monno pe ccojjone?
O, nun ci ppancotto io ner cestone,
Sai? duncue abbad'a tt perch'io rameggio.

E in cuella pila tua tante ne bbulli?
Cii la patacca a la camiscia, eh fijjo,
Che ddi la pecca a ttutti e tte la sgrulli?

Ma pprega la Madon der bon Conzijjo
De nun toccamme un giorno che mme frulli,
Ch 'na sodisfazzione io me la pijjo.

24 gennaio 1832                  De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo