Crea sito


1432 (1433). LO SBAJJO MASSICCIO

Quanno zomporno a Ddio li schiribbizzi
De mette er monno ar monno e ccre ll'omo,
Diede a cquesto la Lgge e ll'antri indizzi
Pe vven bbon cristiano e ggalantomo.

Ma ssuccesso lo scannolo der pomo,
Prima causa der cfino a ttre ppizzi,
D'allor impoi chiunque nassce un tomo
Pien de magaggne e ccarico de vizzi.

Pijja la secolare e ll'eccresiastica,
In oggn'arte sce cova un buggero
De malizzie e ppeccati; e Iddio la mastica.

E ttante rare s l'azzione bbelle,
Che, a lo scoprinne quarchiduna, Iddio
Va in estis e nnun cape in ne la pelle.

16 gennaio 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo