Crea sito


1188 (1187). LI VINI D'UNA VORTA

A ttempi ch'ero regazzotto, allora
Ereno l'anni de ruzzà ccor vino:
Ché sse fasceva er còttimo, ar Grottino,
De bbeve, a ssette e a ssei cuadrini l'ora.

E mm'aricorderò ssempr'a Mmarino,
Indove tutti l'anni annàmio fora
D'ottobre a vvilleggià cco la Siggnora,
E cce stàmio inzinent'a Ssammartino.

Llì nnun c'ereno vini misturati
Co cciammelle de sorfo, e cquadrinacci,
E mmunizzione, e ttant'artri peccati.

Bevevio un quartarolo, e ddiscevio: essci:
E er vino essciva: e vvoi, bbon prò vve facci,
'Na pissciata, e ssinceri com'e ppessci.

10 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo