Crea sito


453 (452). LI SPIRITI  1°

L'anno che Ggesucristo o er Padreterno
Cacciò cquell'angelacci mmaledetti,
Tanti che nun aggnédero a l'inferno
Rimàseno pell'aria su li tetti.

E cquesti sò li spiriti folletti,
Che pper lo ppiù sse senteno d'inverno
Le notte longhe: e a cchi ffanno dispetti
E a cchi jje cricca fanno vince un terno.

Tireno le cuperte e le lenzola,
Strisceno le sciavatte pe la stanza,
E ppareno una nottola che vvola.

De le vorte te soffieno a l'orecchie,
De le vorte te gratteno la panza,
E ssò nnimmichi de le donne vecchie.

Roma, 16 novembre 1832

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo