Crea sito

890 (889). LI SPEDALI DE ROMA

Cqua avemo sei Spedali, e ttutti granni
che cce sei medicato e stai bbenone.
Si ttrovi cuarchiduno che tte scanni,
ciai lo Spedr de la Conzolazzione:

ciai San Giachemo, senza che ttaffanni,
si gguadaggnassi mai cuarche bbubbone:
c Ssan Spirito poi e Ssan Giuvanni
che ccura ammalatie doggni fazzione.

Hai la tiggna? te pa San Galigano,
dove tajjeno auffa li capelli
mejjo de Rondinella er babbilano.

Finarmente sce s li Bbonfratelli:
ma cqui nun p appizzacce oggni cristiano.
Cuesto nun Spedr da poverelli.

Roma, 12 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo