Crea sito


1268 (1268). LI SORDATI BBONI

Subbito c'un Zovrano de la terra
Crede c'un antro j'abbi tocco un fico,
Disce ar popolo suo: "Tu sei nimmico
Der tale o dder tar re; ffjje la guerra."

E er popolo, pe sfugge la galerra
O cquarc'antra grazzietta che nnun dico,
Pijja lo schioppo, e vviaggia com'un prico
Che spedischino in Francia o in Inghirterra.

Ccus, pe li crapicci d'una corte
Ste pecore aritorneno a la stalla
Co mmezza testa e cco le gamme storte.

E cco le vite sce se ggiuca a ppalla,
Come quela puttana de la morte
Nun vienissi da lei senza scercalla.

23 maggio 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo