Crea sito

 

362 (361). LI SOPRANI DER MONNO VECCHIO

C'era una vorta un Re cche ddar palazzo
Mann ffora a li popoli st'editto:
"Io s io, e vvoi nun zete un cazzo,
Sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
Pzzo vnneve a ttutti a un tant'er mazzo:
Io, si vve fo impicc, nun ve strapazzo,
Ch la vita e la robba Io ve l'affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
O dde Papa, o dde Re, o dd'Imperatore,
Quello nun p av mmai vosce in capitolo."

Co st'editto ann er boja pe ccuriero,
Interroganno tutti in zur tenore;
E arisposeno tutti: vvero, vvero.

21 gennaio 1832                De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo