Crea sito


1008 (1007). LI SOFFRAGGI

Quanto me fanno ride tant'e e ttanti
Co le su' divozzion de doppo morte!
E llimosine, e mmesse, e llumi, e ccanti,
E llasscite, e indurgenze d'oggni sorte!

Nun hanno fatto mai ccusė li santi.
Bbisoggna in vita empėssele le sporte.
Er bene, si lo vōi, mānnel'avanti
A ffātte largo e spalancā le porte.

Sapete Iddio de llā ccosa v'intōna
Quanno er bene sciarriva pe ssiconno?
"Annate via, canajja bbuggiarona.

La rrobba vostra me la date adesso,
Perché l'avevio da lassā in ner monno,
E nnun potevio strascinalla appresso."

31 ottobre 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti č quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo