Crea sito


726 (724). LI PRETI MASCHI

Tante bbardorie e ttanti priscipizzi
Pe vvia c'oggni du' preti un paro fotte!
Tutti li mappalā ttutte le bbōtte
A sti poveri cōfeni a ttre ppizzi!

Cuann'č un vizzio er fregā, bbrutte marmotte,
Dateme un omo che nnun abbi vizzi:
Diteme cuale cazzo nun z'addrizzi
Fra ttanto pipinaro de miggnotte.

Doppo che Iddio lo sa cquanto fatica,
Ha dda invidiasse ar prete poverello
Cuer boccon de conforto d'un'amica?!

No: ssi vvoleva Iddio dajje er cappello
A lluminetto, e llevajje la fica,
L'averebbe creato senz'uscello.

Roma,11 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti č quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo