Crea sito


794 (790). LI POSTI. 1

Sora mmaschera mia, sete un cojjone.
Me parerebbe, sangue d'un giudio
Che nn'abbi da sap ddomminiddio
Un po' ppi dde chi ha ffatto Tordinone.

E ssi ss ggrasso, sce n'ho ccorpa io?
Potevio f ppi ggranne le porzione.
Cuann'io spenno, pe ccristo, er mi' testone
Vojjo un posto adattato ar culo mio.

E in che ddanno ste tavole, ste fotte
De tramezzi, che un omo sce s'attappa
Come fussi er turaccio d'una bbotte?

Cqua er culo mio nun c'entra e nnun ce scappa;
E ppe dd ggusto a vvoi, sore marmotte,
Io nun me tajjo una fetta de chiappa.

Roma, 20 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo