Crea sito

 

1001(1001). LI POLLI DE LI VITTURALI

Lo sapémo che ttutti sti carretti
De gabbie de galline e cceste d'ova
Viengheno da la Marca: ma a cche ggiova
De sapello a nnoantri poveretti?

Pe nnoantri la grasscia nun ze trova.
Le nostre nun zò bbocche da guazzetti.
Noi un tozzo de pane, quattr'ajjetti,
E ssempre fame vecchia e ffame nova.

Preti, frati, puttane, cardinali,
Monziggnori, impiegati e bbagarini:
Ecco la ggente che ppò ffà li ssciali.

Perché ste sette sorte d'assassini,
Come noantri fussimo animali,
Nun ce fanno mai véde li quadrini.

28 ottobre 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi 
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo