Crea sito


1983 (1948). LI PENZIERI DELL'OMO

Er chirichetto, appena attunzurato
Penza a ordinasse prete, si ha ccervello:
Er prete penza a ddivent pprelato;
E 'r prelato, se sa, ppenza ar cappello.

Er cardinale, si ttu vvi sapello,
Penza 'ggnisempre d'arriv ar papato;
E ddar zu' canto er Papa, poverello!,
Penza a ggde la pacchia c'ha ttrovato.

Su l'esempio de quelle perzoncine
'Ggni dottore, o impiegato, o mmilitare
Penza a le su' mesate e a le propine.

Chi ppianta l'rbero, penza a li frutti.
Cqua inzomma, pe rristriggneve l'affare,
Oggnuno penza a ss, Ddio penza a ttutti.

2 settembre 1838

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo