Crea sito


1515 (1513). LI PADRONI DE ROMA

Eccheve li padroni c'a nnoi guitti
Ce cuscineno mejjo de li cochi,
Ch spesso sce trovamo tra ddu' fochi
E da tutte le parte semo fritti.

Prima vi er Papa a conzol l'affritti:
Doppo, li Cardinali, e nnun z ppochi:
Poi vi cquell'antra fila de bbizzochi
De li Prelati, e mmette fora editti.

Dietro a li Cardinali e a li Prelati
Viengheno a ff le carte sti Margutti
De capi de le regole de frati.

Poi viengheno a ttajj la testa ar toro
L'Immassciatori, e ppoi prima de tutti
Le donne bbelle e li mariti lro.

14 aprile 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo