Crea sito


1075 (1076). LI MIRACOLI DE LI QUADRINI

Chi ha cquadrini una scima de dottore,
Senza manco sap sscrive n llgge:
P spar indove v rrtti e scorregge,
E ggnisuno da lui sente er rimore.

P av in culo li ggiudisci, la lgge,
L'occhio der monno, la vert, e l'onore:
P ff mmagaraddio, lo sgrassatore,
E 'r Governo sta zzitto e lo protegge.

P ingravid oggni donna a-la-sicura,
Perch er Papa a l'udienza der giardino
Je bbenedisce poi panza e ccratura.

Nun c' ssoverchiaria, nun c' rripicco,
Che nun passa coll'arma der zecchino.
Viva la faccia de quann'-uno--rricco!

11 marzo 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo