Crea sito


324 (323) LI MANFRODITI

Li manfroditi s (ggi cche tte preme
De stillatte er ciarvello in st'antra bbega),
S ppe ffattucchieria de quarche strega
Ommini e ddonne appiccicati inzieme.

Loro s mmaschi e ffemmine medeme,
E ssi jje vi er crapiccio d'ann in frega
Cazzo e ffreggna je sta ccas'e bbottega
Pe dd ar bisoggno e ppe rrisceve er zeme.

Quer pot appiccicasse e ff ll'amore
Co cchiunque te capita davanti,
Nun te pare un ber dono der Ziggnore?

All'incontrario poi tanti e ppoi tanti,
Gente lescit'e oneste e dde bbon core
Nun troveno a scop mmanco li santi.

9 gennaio 1832                   Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo