Crea sito


513 (513). LI GUSTI

Nun c' ggusto ppi mmejjo che, cquann'ardi
De sete, d'ann a bbeve un fujjettino.
Io bbevo poi dar f ddell'arba inzino
La sera a mmezzanotte e un po' ppi ttardi.

E mmetterebbe er culo in zu li cardi
Prima c'arineg cquer goccettino.
Senz'acquasanta s, ma ssenza vino...
Ma ssenza vino io?! Dio me ne guardi!

Nun avessi Iddio fatto antro che cquesto,
Sara da ringrazziallo in ginocchione,
E dda mann a ff fotte tutto er resto.

Bbasta de nun ussc ttanto de sesto.
Si ppeccato er pijjasse un pelliccione
ppeccato ar piuppi llescito e onesto.

Roma, 29 novembre 1832           Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo