Crea sito


626 (631). LI FRATELLI MANTELLONI

Ma cchi? cquelli che vvanno ar Caravita
La sera, e cce se sfrusteno er furello?
S ttutti galantommini, fratello;
Ggente, te lo dich'io, de bbona vita.

Cuarcuno, si ttu vvi, porta er cortello:
A cquarcuno je piasce l'acquavita:
Cuarchidunantro un po' llongo de dita;
Ma un vizzio, ggi sse sa, bbisoggna avello.

Ma ppoi tiengheno ttutti er mantellone,
E ccor Cristo e le torce cuann' ffesta
Accompaggneno er frate a le missione.

E 'ggni sera e per acqua, e ppe ttempesta,
Vanno pe Rroma cantanno orazzione
Coll'occhi bbassi e ssenza ggnente in testa.

Roma, 19 dicembre 1832                   Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo