Crea sito


1490 (1488). LI DU' ORDINI

Er zalumaro ha ttrovo in d'un libbrone
Che un certo sor Dimenico Sgumano
E un certo sor Francesco Bennardone,
Quello spaggnolo e cquest'antro itajjano,

Volenno arz ddu' nove riliggione,
Er primo se vist ddomenicano,
Mentre er ziconno se leg un cordone
Su la panza e sse fesce francescano.

Seiscent'anni e un po' ppi ggi ss ppassati,
Che ppe ggrazzia der primo e dder ziconno
Sto par de fraterie cacheno frati.

Seiscent'anni! Oh vvedete quant' antica,
Oh immagginate quant' sparza ar monno
La vojja de camp ssenza fatica!

27 febbraio 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo