Crea sito


1304 (1303). LI DEBITI

Nun z mmorto: s stato un anno e mmezzo
Carcerato pe vvia d'un creditore
Che ddoppo avemme limentato un pezzo
M'ha abbandonato con mi' gran dolore.

Io a sta vita sce s ttanto avvezzo,
C'oggni vorta che in grazzia der Ziggnore
Faccio un debbito novo e ariccapezzo
De torn ddrento, me s'allarga er core.

Che vviggna! maggn e bbeve alegramente
A ttutta cortesia de chi tt'avanza:
Dorm la notte, e 'r giorno nun f ggnente:

St in tanti amichi a rride in d'una stanza,
O a la ferrata a cojjon la ggente...
Ah! er debbituccio una gran bella usanza!

17 giugno 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo