Crea sito


1255 (1254). LI DANNATI

Fijji, a ccasa der diavolo se vede,
Tutt'in un mucchio, facce, culi e ppanze,
E ggnisuno llaggiù ppò stacce a ssede
Co le duvute e ddebbite distanze.

Figurateve mó ccosa succede
Fra cquelle ggente llà ssenza creanze!
Carci, spinte, cazzotti: e ss'ha da crede
Scànnoli d'oggni sorte e ggravidanze.

Sì, ggravidanze: e cchi ppò ddì er contrario?
Quanno se sa cc'ar giorno der giudizzio
Ce s'annerà cco ttutto er nescessario?

Ommini e ddonne! oh ddio che ppriscipizzio!
Come a l'inferno er Cardinal Vicario
Troverà mmodo da levajje er vizzio?

29 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo