Crea sito


116 (116). LI CULI

Hai visto er mappamonno de l'ostessa?
Bùggerela, pezzìo!, che vviscinato!
Si cquella se fa mmonica, sagrato,
Zompa de posta a ddiventà bbadessa!

Tentela, Cristo! : e, sservo de Pilato,
Si nun m'inchiricozzo pe ddì mmessa
E cconfessà sta madre bbattifessa,
Pòzzi trovà 'ggni bbuscio siggillato.

Ma cchi ssa cche vvertecchio s'aridusce,
Si ppoi sce levi quarche imbrojjo attorno?
Nun è ttutt'oro quello c'arilusce.

Ne solo ttant'antre, che, all'arzà, bbon giorno!
Ma in cammio scianno poi scime de bbusce,
Da fà ccrepà ppe l'invidiaccia un forno.

Morrovalle, 25 settembre 1831    D'er medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo