I SONETTI DI GIUSEPPE GIOACHINO BELLI

256 (255). LI BBURATTINI

Checca, sei stata mai ar teatrino
De bburattini in der Palazzo Fiano?
Si vvedi, Checca mia, tiengheno inzino
Er naso com'e nnoi, l'occhi e le mano.
 

C' ll'Arlecchin-Batocchio, er Rugantino,
Er Tartajja, er Dottore, er Ciarlatano:
Ma cquer boccetto poi de Casandrino,
Nun c' un cazzo da d, ppare un cristiano!
 

Jeri pe la ppi ccorta io sce s annata
Incirca ar tocco de la vemmaria,
C'allora s'ariopre l'infornata.
 

E ppoi cor pesator de pescheria
Co Ppipp'e Ppeppe Menica e Nnunziata,
Ce n'annassimo a ccena all'osteria.
 

Roma, 21 novembre 1831              Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo