Crea sito


256 (255). LI BBURATTINI

Checca, sei stata mai ar teatrino
De bburattini in der Palazzo Fiano?
Si vvedi, Checca mia, tiengheno inzino
Er naso com'e nnoi, l'occhi e le mano.
 

C' ll'Arlecchin-Batocchio, er Rugantino,
Er Tartajja, er Dottore, er Ciarlatano:
Ma cquer boccetto poi de Casandrino,
Nun c' un cazzo da d, ppare un cristiano!
 

Jeri pe la ppi ccorta io sce s annata
Incirca ar tocco de la vemmaria,
C'allora s'ariopre l'infornata.
 

E ppoi cor pesator de pescheria
Co Ppipp'e Ppeppe Menica e Nnunziata,
Ce n'annassimo a ccena all'osteria.
 

Roma, 21 novembre 1831              Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo