Crea sito


1297 (1295). LI BBEATI

Nun cche nnun ce ssiino Bbeati
Deggni e stradeggni de fa un passo avanti:
Er paradiso sbrullica de frati
Che mmoreno de vojja d'sse Santi.

Nun cch'er Papa se li sia scordati,
Come se scorda de li nostri pianti:
Ch anzi, doppo avelli proscessati,
Vora cannonizzalli tutti quanti.

La raggione che ancora li ti addietro
Ne la grolia sceleste, la gran spesa
De la funzione che cce v a Ssan Pietro.

Eccolo er gran motivo, poverini:
La miseria. E li Santi de la Cchiesa
Nun ze ponno cre ssenza quadrini.

12 giugno 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo