Crea sito


1455 (1451). LE VISITE DER CARDINALE

La padrona sopporta quer zonajjo
Der Cardinale, pe ffà un stato ar fijjo,
E pperché in un bisoggno e in quarch'incajjo,
Sempre è cquell'omo che ppò ddà un conzijjo.

Je se legge però llontano un mijjo
La noja, er vortastommico e 'r travajjo,
Benché, ar venijje sù cquarche sbavijjo,
Se l'annisconni lei sott'ar ventajjo.

Vedi sta stanzia? Cqua cce viè un convojjo
De ttutta ggiuventù dd'oggni miscujjo.
Bbe', appena arriva Su' Eminenza, è un ojjo.

Lei, la padrona, se tiè ssù a la mejjo;
Ma de tutto quell'antro guazzabbujjo
Nun ce n'è uno c'arimani svejjo.

22 gennaio 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo