Crea sito


176 (177). LE SCORREGGE DA NASO SOLO

Che odor de puzza! Puhf! Loffe ariposte!
Avvisi sordi de scorreggia muta!
Senti si cche pprofumi d'ova toste!
E pporti st'acqua de melissa, eh Tuta?

Ner cul de 'na piluccia ggiù dall'oste,
Fatte pistà un tantin d'erba fottuta,
Co na pera spadona in de le coste,
Seme de tuttocazzo, ojjo, ajjo e rruta.

Sò mmanosante puro un manganello,
Una stanga de porta de cantina,
O una cavola presa a un caratello.

La prima tu a ssentì sta canterina
Sei stata? A cquesto sc'è un proverbio bbello,
Che ddisce: Cunculina cunculina...

Nun fà l'innoscentina:
Quanno dereto a nnoi tona o llampeggia,
Se disce chiaro: "Ho ffatto una scorreggia."

Terni, 5 ottobre 1831                De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo