Crea sito


1349 (1348). LE RISATE DER PAPA

Er Papa ride? Male, amico! sseggno
C'a mmomenti er zu' popolo ha da piaggne.
Le risatine de sto bbon padreggno
Pe nnoi fijjastri s ssempre compaggne.

Ste facciacce che pporteno er trireggno
S'assomijjeno tutte a le castaggne:
Bbelle de fora, eppoi, pe ddio de leggno,
Muffe de drento e ppiene de magaggne.

Er Papa ghiggna? Sce s gguai per aria:
Tanto ppi cch'er zu' ride de sti tempi
Nun me pare una cosa nescessaria.

Fijji mii cari, state bbene attenti.
Sovrani in alegria s bbrutti esempi.
Chi rride cosa fa? Mmostra li denti.

17 novembre 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo