1349 (1348). LE RISATE DER PAPA

Er Papa ride? Male, amico! sseggno
C'a mmomenti er zu' popolo ha da piaggne.
Le risatine de sto bbon padreggno
Pe nnoi fijjastri s ssempre compaggne.

Ste facciacce che pporteno er trireggno
S'assomijjeno tutte a le castaggne:
Bbelle de fora, eppoi, pe ddio de leggno,
Muffe de drento e ppiene de magaggne.

Er Papa ghiggna? Sce s gguai per aria:
Tanto ppi cch'er zu' ride de sti tempi
Nun me pare una cosa nescessaria.

Fijji mii cari, state bbene attenti.
Sovrani in alegria s bbrutti esempi.
Chi rride cosa fa? Mmostra li denti.

17 novembre 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo